Tonelli Giorgio

scarica la scheda biografica di Giorgio Tonelli

Giorgio Tonelli nasce a Brescia nel 1941. Vive e lavora a Bologna.

leggi tutto

Giorgio Tonelli inizia a dipingere nel 1974 nello studio di Gianfranco Ferroni che considererà per sempre il suo “maestro etico”. Nel 1976 si trasferisce a Londra dove resterà fino al 1983. Nel 1979 partecipa al gruppo della “Metacosa”,che dopo varie mostre si scioglierà nel 1983.
Dal 1983 al 1985 vive fra Parigi, New York e Venezia. Si trasferisce definitivamente nel 1987 a Bologna dove tuttora vive e lavora.
Numerose sono le rassegne collettive in luoghi istituzionali alle quali è stato chiamato a partecipare, tra le più recenti “Arte italiana- 1968/2007” a cura di Vittorio Sgarbi, Milano, Palazzo Reale, svoltasi nl 2007. Dello stesso anno è la partecipazione alla 58^ Edizione del Premio Michetti nonchè la mostra “Natura Morta” a cura di Marilena Pasquali presso la Fondazione Ragghianti di Lucca e la mostra “Nuovi Pittori della Realtà” a cura di Maurizio Sciaccaluga al PAC di Milano mentre nel 2008, nell’ambito della rassegna “Not so private - Gallerie e storie dell’arte a Bologna”, partecipa all’esposizione “Galleria Forni e Galleria Stefano Forni: dal 1967 una storia per l’Arte Figurativa” organizzata dal Mambo (Museo d’Arte Moderna di Bologna) nello spazio di Villa delle Rose. Del 2009 è la personale alla Galleria Jannone di Milano con una mostra di pastelli dal titolo “Lo sguardo fisso”. Nel 2011 espone al Centro Culturale Le Muse nell’ambito della mostra “Ermetiche Apparenze” a cura di Giovanni Faccenda e, nello stesso anno, è chiamato a partecipare alla 54° edizione della Biennale di Venezia, Padiglione Italia. Nel 2012 espone al Museo Palazzo de’ Mayo, Chieti, nell’ambito della mostra “Nel segno dell’Immagine” e al Museo di Rimini con la mostra “Inattuali” insieme all’artista Enrico Lombardi. Nel 2013 realizza un ciclo di lavori dal titolo “Diario minimo” ripercorrendo i temi principali del proprio percorso pittorico, rivisitati in piccolo formato (cm.11x11). La mostra “Diario minimo” è stata dapprima presentata alla Galleria Antonia Jannone di Milano e, successivamente, ad Artefiera Bologna presso lo stand Galleria Forni.
Nel 2014 è invitato a partecipare alla mostra La resistenza della pittura, Museo Civico di Asolo, Treviso, a cura di Giovanni Faccenda e nel 2015 espone a Varese, Galleria Il Punto sull’Arte, nell'ambito della mostra "Ritmi e toni", a cura di Alessandra Redaelli. L’ultima personale è del luglio 2016 presso la Galleria Dir’Arte di Modica, Ragusa. Nel 2017 espone con Girolamo Ciulla alla Galleria Forni con la mostra “Declinazioni” a cura di Beatrice Buscaroli e nel 2018 la mostra "Il tempo sospeso", a cura di Bruno Bandini, viene allestita in due spazi distinti del Comune di Russi (Ravenna), al Museo Civico e all'ex Chiesa in Albis. Nello stesso anno vince il Premio The Bank, istituito da Grand Art Fair, Milano.

La pittura di Tonelli suggerisce una forte stabilità dell’immagine, espressa da forme pulite, sintetiche, equilibrate, così come nella misurata ostentazione dei dettagli. La rappresentazione delle metropoli, ove l’autore ha vissuto lunghi periodi della propria esistenza, non lascia affiorare alcun cenno al racconto, nessun cedimento alla nostalgia, nessuna vibrazione, nessun trasporto. Ogni segno, ogni variazione cromatica è ragionata e sapientemente dosata, elevando l’immagine ad una lucida sintesi visiva. Anche la grande pianura, dove Tonelli ha stabilito la propria dimora per oltre vent’anni, è un tema a lui caro, così come gli orizzonti sul mare, altrettanto immobili e silenti, suggeriti dalla costa ragusana e dalla laguna veneziana: luoghi dell’anima, sospesi nel tempo.

chiudi

opere disponibili
mostre collegate
2021 © Galleria Forni - all rights reserved -
P.I./C.F. IT00571770379 - R.E.A. BO-218946 Cookie Policy - Privacy Policy - Condizioni d'uso
T O P