Virgilio

Virgilio è nato a La Spezia nel 1967. Come osserva Franco Basile nel testo per una sua recente mostra "Ha scelto di firmare i propri lavori con il nome del vate che Dante elevò a simbolo dell’umana saggezza. Virgilio, un nome stabilito anche per non volere apparire, per rimanere una firma priva di volto e per affermarsi quale intestatario di un biglietto destinato a un viaggio senza date e senza una precisa destinazione.

Autodidatta, dopo gli studi al liceo artistico Virgilio frequenta assiduamente i musei, dove apprende a disegnare dalle opere dei grandi maestri del passato. Studia "Il Libro dell'Arte" di Cennino Cennini e il "Trattato sulla pittura" di Leonardo Da Vinci: testi importanti che gli permettono di acquisire le nozioni fondamentali delle tecniche pittoriche del passato. L'opera di Virgilio è, come egli stesso ama definirla, un rebus senza aiuti: un gioco labirintico del quale l'osservatore non riesce mai a trovare l'inizio né la fine. Quando sembra apparire la soluzione, ecco che qualcosa affiora per depistare definitivamente e obbligare a ricominciare daccapo.

Virgilio lavora da tempo con la Galleria Forni, con la quale ha realizzato numerose mostre personali e con la quale ha partecipato ad alcune fiere all'estero. Vive e lavora a Sarzana.

Back to top