Carozzi Elena

Elena Carozzi nasce a Milano nel 1967.

Formatasi in un ambiente in cui arte e decorazione costituiscono un humus fecondo di riflessione, avvia la propria ricerca artistica a Milano, dove collabora con l’architetto Roberto Peregalli nell’ambito della decorazione di interni.

Nel 1996 si trasferisce a Sarzana. Attraverso la frequentazione dello studio del nonno, Gian Carozzi - tra i fondatori negli anni cinquanta del manifesto Spazialista con Lucio Fontana - si avvicina alla pittura. Colore, luce e materia definiscono un campo di ricerca inteso come continua investigazione della forma pittorica. Vuillard è punto di riferimento cruciale della sua ricerca - un’esperienza costantemente in divenire, che oltrepassa le rigide definizioni di generi, pur mantenendo sempre un rapporto vitale con il referente naturale.

Nel 2015 con le artiste Beatrice Meoni, Phillippa Peckham, Maja Thommen e Silvia Vendramel, dà avvio a un progetto basato sulla condivisione dei rispettivi linguaggi artistici, da cui sono nate una serie di esposizioni, dove i lavori di ciascuna si intrecciano nel “tutto” della mostra a rivitalizzare il senso dell’esposizione collettiva, come spazio della condivisione, e dell’autorialità, come spazi di ascolto e di soggettività differente.

In anni recenti la produzione di tappezzerie dipinte a mano ha definito un ulteriore campo di interferenza linguistica e di suggestione visiva, tra esperienza pittorica e decorativa.

Back to top